Immaginare Zen
conference live

Condividi l'evento

19 Nov

Dialogo tra un maestro zen e un filosofo sull’incertezza


PROTAGONISTI


Maestro Tetsugen Serra e Leonardo Caffo


TIPOLOGIA DI EVENTO


Open Talk_dibattito sull’incertezza


SEDE


Monastero Zen Il Cerchio L20, Centro Zen Metropolitano


Viale Liguria 20, MM2 Romolo, Milano


DATA E ORA


Venerdì 19 Novembre h 18:30



DESCRIZIONE DELL’EVENTO


immaginare zen 2

Un dibattito tra oriente ed Occidente per imparare e vedere con occhi nuovi l’incertezza: se il futuro è un punto interrogativo che nella razionalità della forma mentis occidentale genera ansia e paura, nello zen è un’opportunità per il miglioramento: la domanda stessa diventa la risposta.


Un Maestro Zen e un Filosofo in conversazione sul tema che più intensamente ha influenzato gli ultimi mesi delle vite del mondo: l’incertezza.


Al centro del dibattito, “L’Incertezza è Zen”, il nuovo libro del Maestro Tetsugen Serra, uscito il 22 luglio per Enrico Damiani Editore.


incertezza zen

Se l'incertezza appartiene da sempre alla condizione umana, oggi è diventata l'assoluta protagonista delle nostre vite. In quest'epoca esasperata e frenetica, cui si è aggiunta la paura di un pericolo inedito e globale, ci siamo sentiti mancare la terra sotto i piedi. Del resto, quando il mondo cambia in maniera così repentina e imprevedibile, il livello di ansia generale e individuale non può che salire. Ma è sempre possibile trovare un modo diverso di interpretare la realtà, lontano da rassicuranti semplificazioni. Come ci dice un antico detto: «Tutto quello che gli altri buttano via, lo zen lo utilizza». Seguendo questa strada, scopriamo che trasformare l'insicurezza in cui viviamo in uno strumento positivo di crescita e di miglioramento è alla portata di tutti. Utilizzando i koan, le storie paradossali che, nel buddhismo zen, aiutano la meditazione, il maestro Tetsugen Serra ci mostra che ognuno di noi può trovare un metodo semplice ma potente per accettare, coltivare, trasformare l'incertezza in resilienza. Perché, come ben sappiamo, il punto non è cosa succede nella nostra vita, ma come affrontiamo quello che succede.